Entità Angeliche che ci guidano?

Alcuni credono che a ogni persona sia assegnato un singolo angelo con il compito di proteggerlo. Altri invece ritengono che ognuno di noi abbia due angeli, uno per il giorno e uno per la notte. Molte persone nel mondo credono nell’esistenza degli angeli custodi.

Molti sostengono che attraverso la meditazione e la preghiera sia possibile rivolgersi direttamente agli angeli. L’intenzione di contattarli scatena ampie controversie, paure e suggestioni.

Però è importante acquisire maggiori informazioni per rafforzare la vostra connessione. Innanzitutto eseguite qualche ricerca nel web o nella biblioteca della vostra città. Libri e internet sono un’infinita fonte di informazioni. Molte religioni credano negli angeli custodi, ma le loro opinioni in merito sono spesso differenti.

Forte di tutte le esperienze vissute sin da quando era bambina, Lorna Byrne ci parla dei suoi incontri con l’Arcangelo Michele, con l’Angelo Elia, soprattutto ci spiega come possiamo avvicinare Dio e gli angeli con la preghiera, come possono aiutarci e cosa chiedono. Perché sono intorno a noi e possono soccorrerci in ogni istante: basta avere la forza e la purezza d’animo per riconoscerli e, ovviamente, saper ascoltare le loro parole. Nel suo libro “Gli angeli ci prendono per mano“, ci insegna questo.

Prima di provare a contattare il vostro angelo, assicuratevi di sapere chi è e quali sono i suoi poteri speciali. Identificate il vostro angelo custode. Se state provando a contattare un angelo specifico, prendetevi un po’ di tempo per imparare qualcosa di più su quell’angelo.

Creare un ambiente suggestivo potrebbe aiutarvi a contattare il vostro angelo custode, designando uno spazio apposito per l’energia spirituale. Per creare un questo ambiente, trovate un piccolo spazio, come una libreria o la parte superiore di un comò. Posizionate un panno e aggiungete una candela e un oggetto che vi ricorda il vostro angelo custode. Alcune persone amano includere foto, cibo, erbe, cristalli, incenso e acqua.

81Isj5IeIvL._SL1500_  71JCaIVZ-6L._SL1024_    71RYGcR-j4L._SL1280_

Candelabro porta candele        10 bastoncini profumati        Set di cristalli per meditazione

Imparate una preghiera speciale. Molte persone usano preghiere speciali come aiuto per entrare in contatto con i propri angeli.  Se il vostro angelo non è molto conosciuto, potete prendere in considerazione di scrivere la vostra preghiera a quell’angelo.

Individuate un momento per contattare il vostro angelo. Per aumentare le vostre possibilità di contattare il vostro angelo custode, dovreste designare un’ora specifica ogni giorno per pregare e meditare. Avere una pratica quotidiana darà al vostro angelo custode maggiori opportunità per contattarvi.

Prestate attenzione a intuizioni e istinti. Per alcuni si tratta del modo in cui gli angeli comunicano con voi. Se dovete prendere una decisione importante, ma non avete il tempo per meditare, chiedete mentalmente aiuto al vostro angelo. Nel caso che una risposta si affacci alla vostra mente potrebbe trattarsi del vostro angelo che tenta di guidarvi.

Siate consapevoli che il vostro angelo è accanto a voi. La sensazione di non essere mai da soli e sentirvi sempre protetti è il dono più grande che un angelo possa farvi. Fate in modo che questa consapevolezza vi dia la forza di affrontare i momenti duri.

La meditazione richiede che voi state fermi a lungo, pertanto assicuratevi di non essere costretti a muovervi in continuazione a causa di una posizione scomoda. Questa pratica potrebbe essere molto produttiva per voi.

Ma, secondo voi, il contattare il vostro angelo è solamente suggestione mentale, o c’è qualcosa di vero?

Io non so se ce qualcosa di vero o no, ma sono consapevole che ognuno di noi può influenzare la propria realtà. Se la presenza di un angelo custode vi aiuta a sentirvi bene, e muovere tutto in maniera positiva, continuate questo contatto.

“Acquistate adesso il libro di Lorna Byrne”

51UD2kZD+6L._SX313_BO1,204,203,200_

Ecco la pratica:

“Respirate profondamente e svuotate la mente. Chiudete gli occhi. Durante i primi minuti cercate di non pensare a niente, neanche al vostro angelo custode. Concentratevi sul mantenere una respirazione lenta e stabile. 
Salutate mentalmente il vostro angelo con un “ciao”.

Ringraziatelo per la protezione che vi offre ogni giorno. Mettetelo al corrente degli eventuali problemi che vi affliggono e chiedete di farvi da guida. 
Ascoltate la sua risposta. I segnali della sua presenza saranno per lo più tenui e impalpabili. Potreste sentire un rumore appena accennato, visualizzare un’immagine nella vostra mente.

Avvertire una lieve sensazione di calore o percepire una presenza nella stanza vuota. Abbandonate lentamente lo stato meditativo. Salutate il vostro angelo e terminate la vostra meditazione con una preghiera.

Se avevate gli occhi chiusi, apriteli nuovamente. Cambiate posizione, ma rimanete seduti per uno o due minuti per dare il tempo alla mente di tornare alla normalità.” 

71XnwFxCE7L          41iDi01-7eL                  71J0TwiMavL._SL1500_.jpg

44 Carte con libro        3 per 2 Angeli custodi tascabili         Ciondolo Chiama Angeli

61YfjjD9MDL._SX357_BO1,204,203,200_

Il potere di guarigione

 

Rispondi