Come Scacciare i Pensieri Negativi

I cattivi pensieri possono perseguitarvi per giorni, settimane o mesi, se non li affrontate. Spesso arrivano quando meno ve lo aspettate, quando analizzate eccessivamente determinate situazioni o quando ritenete che qualcuno vi abbia insultato in maniera subdola. Per quanto dolorosi, i cattivi pensieri sono naturali e il vostro cervello sa come affrontarli.

Ricordate che avere occasionalmente cattivi pensieri è normale. Questo è forse il modo più semplice per iniziare ad affrontare i vostri guai. Troppo spesso pensate di essere gli unici ad avere dei problemi o che gli altri non capiscano ciò che state vivendo, ma i cattivi pensieri fanno parte della vita e, soprattutto, prima o poi svaniscono. Non prendetevela con voi stessi se ce li avete, perché non è colpa vostra.

Avete avuto dei cattivi pensieri in passato e li avrete ancora, ma siete ancora qui, vivi e vegeti. Se non li trasformate in mostri, i cattivi pensieri non vi uccideranno ne vi mangeranno.

Cercate di capire che cosa renda i vostri pensieri “cattivi”. Spesso i cattivi pensieri persistono perché vi sentite in colpa, arrabbiati o insicuri riguardo al futuro, quindi capire perché siete ossessionati sempre dagli stessi pensieri vi aiuta a dare loro forma e a trovare il modo per affrontare il problema. Le cause più comuni dei cattivi pensieri comprendono colpe, ansie, gelosie, tentazioni, fallimenti o paura di fallire.

È normale che voi vi sentite ansiosi o nervosi quando i cattivi pensieri affiorano improvvisamente nella vostra mente, ma resistete all’impulso di arrabbiarvi. Interrompi tutto quello che stavate facendo e fate cinque lunghi e profondi respiri. Concedetevi il tempo necessario per affrontare i pensieri cattivi invece di passare subito a conclusioni irrazionali o estreme.

Non potete controllare il futuro e neanche il passato, potete solo affrontare il presente. Molti cattivi pensieri nascono perché ci si dimentica di questo e si fanno previsioni o ipotesi sul futuro.

Se, ad esempio, siete convinti che domani a scuola la verifica sarà dura e che andrà male, i vostri cattivi pensieri non hanno alcun fondamento nella realtà, ma quando vi troverete ad affrontare la prova, la notte precedente avrete già ripetuto mille volte a voi stessi che non ce la farete, invece di cercare il modo di renderla più facile. Non lasciate che le vostre ipotesi sul futuro rovinino il vostro presente.

La prima reazione di fronte ai pensieri cattivi è quella di ingigantirli sproporzionatamente, tipo “mi sento tentata da quest’uomo, vuol dire che non amo mio marito”, oppure “Tutti hanno una bella auto, tranne me: sono un fallito”. Questi pensieri non sono soltanto semplicistici, sono anche palesemente sbagliati.

Ricordatevi che non siete al centro dell’universo e che la maggior parte dei vostri problemi non hanno niente a che vedere con la vostra felicità. Ricordate i problemi che avete avuto in passato, ad esempio quando siete stati scaricati o licenziati: se all’epoca vi provocarono cattivi pensieri, oggi molto probabilmente li avete superati senza aver subito reali contraccolpi.

Cercate di distrarvi con qualcosa di specifico che vi procura sollievo. Ritornate a fare qualcosa che sia in grado di farvi dimenticare i vostri problemi. Fare esperienza di qualcosa che siete legati a ricordi piacevoli aiuta a relativizzare i cattivi pensieri. Le cose non sono andate sempre male e non andranno sempre male in futuro.

Rileggete il vostro libro preferito, preparatevi una torta al cioccolato con la ricetta di vostra madre, andate a guardare la partita della vostra squadra del cuore, ascoltate un disco che vi piaceva da ragazzo.

Ripetere a voi stessi in continuazione che non dovete pensare a qualcosa che vi fa star male è come pensarci sempre. Passate tutto il vostro tempo a dire a voi stessi che dovete “smettere di pensare ai problemi” e non vi rendete conto che in realtà vi state ancora pensando! Dovete spostare i vostri cattivi pensieri in un’altra direzione oppure cercare di affrontarli di petto. Cercare consapevolmente di espellere i pensieri dalla vostra mente, tuttavia, sortirà solo l’effetto di prolungarli.

Invece di combattere i cattivi pensieri, fate un bel respiro, riconoscetele e cercate di andare avanti. Non è facile imparare a farlo, ma è l’unico modo per combattere i cattivi pensieri per il resto della vostra vita.

Ad esempio, potete essere preoccupati perché il vostro coniuge è stato licenziato. Se sono i soldi che vi preoccupano, non affannatevi a trovare un colpevole e non pensare a cosa si sarebbe potuto fare per evitare il guaio. Prendete nota del problema e poi non pensateci più. E concentratevi su come risolvere. Se dovesse ripresentarsi un problema del genere, potrete sempre usare la stessa strategia.

Può sembrare strano, ma una ricerca americana ha scoperto che le persone che scrivono su un pezzo di carta i loro cattivi pensieri e poi buttano via il foglio hanno una migliore immagine di sé. Scrivere è un modo per esprimere i vostri problemi, e sbarazzandovene fisicamente comunicate al vostro corpo che è tempo di andare avanti.

Tirare fuori dal petto i vostri cattivi pensieri e metterli allo scoperto è un ottimo modo per capire ciò che rende un pensiero così cattivo. Inoltre, il più delle volte, vi aiuta a comprendere che il pensiero non è così negativo come sembrava. Una volta che avete dato voce alle vostre ansie, potrete ricevere preziosi consigli e un punto di vista diverso da qualcuno che probabilmente ha avuto preoccupazioni simili. Molti specialisti hanno scoperto che raccontare semplicemente i vostri pensieri in un ambiente in cui vi trovate a vostro agio può bastare per eliminarli.

Imparate a dire a voi stessi delle cose positive per combattere i pensieri cattivi più persistenti. Affermare qualcosa di positivo vuol dire prendersi il tempo per riconoscere che siete felici, godete di buona salute e siete pieni di autostima.

Più volte è stato dimostrato come la meditazione promuova il pensiero positivo e la salute mentale; si tratta di un processo che vi libera la mente e vi riconcilia con i vostri pensieri. Ricavate 10-15 minuti al giorno per mettervi seduti tranquillamente con i vostri pensieri. Concentratevi sul tuo respiro e lasciate che i vostri pensieri fluiscano liberamente. Man mano che andrete avanti vi accorgerete di dedicare sempre più tempo alla meditazione e i vostri pensieri cattivi lentamente passeranno in secondo piano.

Oltre a migliorare notevolmente le condizioni di salute, il pensiero positivo è anche in grado di produrre una maggiore autostima, delle migliori relazioni interpersonali e una nuova qualità della vita con più fortuna, successo e felicità.

Con questo libro avrete la possibilità di imparare a pensare positivamente. I numerosi consigli ed esercizi racchiusi in questo manuale vi accompagneranno sulla via del pensiero positivo.

Clicca il libro per acquistare la tua copia

51xFm-6ZkYL 

Click the book to purchase your copy

1 thought on “Come Scacciare i Pensieri Negativi

Rispondi