Il Nostro Karma

 

È inevitabile: a volte la vita non va come vorreste. I vostri programmi vanno all’aria. Non riuscite a seguire il vostro regime. Qualcuno si comporta male con voi. Avete la sensazione di voler abbandonare il vostro obiettivo. Volete raggomitolarvi e scoppiare a piangere.

La vita lancia dei duri colpi e vi lascia scoraggiati, arrabbiati, frustrati, depressi e svuotati. Una volta raggiunto il fondo, non vi importa più di nulla ed è piuttosto difficile uscirne.

Ma, ecco alcuni piccoli segreti per la felicità e per migliorarsi: e tutte queste cose negative? Sono solo nella vostra testa. Non sembra vero, vi sentite come se i colpi di fionda e i dardi della vita vi stessero attaccando. Vi sentite falliti. Ma è vero, è tutto nella vostra mente.

È corretto banalizzare le cose orribili che vi accadono facendole sembrare dei semplici problemi mentali? In realtà è proprio così e quando lo avrete capito, vi sentirete liberi: siete proprio voi ad avere il potere di cambiare la vostra situazione! Non è un compito semplice; anzi, è estremamente complesso. Cambiare la vostra mente e la vostra vita è un compito degno di un titano.

Quando non riuscite più a vedere il senso di qualcosa, o quando siete stanchi di soffrire perché non riuscite ad abbandonare una brutta abitudine, è molto facile cadere nella spirale della negatività. Pensare al peggio può essere rassicurante, anche se è inutile.

Nessuno vi suggerisce di abbellire la realtà, ma provate a capire che cosa è realmente la negatività.

Prendete coscienza del fatto che si tratta “solamente” di pensieri negativi; “non” vi definiscono e non caratterizzeranno per sempre la vostra vita. Riconoscete direttamente i pensieri negativi. Abbracciateli e affrontateli. In questo modo non banalizzate la questione, ma ammettete l’esistenza del problema e date un nome a quello che le vostre emozioni e i vostri sentimenti creano nella vostra testa.

Sostituite i pensieri negativi con pensieri opposti, positivi. Per esempio, quando vi sorprendete nel dire a voi stessi che non potete fare qualcosa, dite “BASTA!” e poi “Io Posso Farlo!”.Interrompete il flusso di pensieri negativi e sostituitelo con pensieri ottimisti e farli diventare un’abitudine. Ci vorrà del tempo per imparare, ma ne varrà la pena credetemi.

“Il fallimento è un altro passo verso il successo.” È un famoso luogo comune, ma rappresenta una realtà nella maggior parte dei casi. Infatti, sarebbe molto difficile trovare una persona che non abbia mai fallito, anche se alcuni potrebbero nascondere i propri insuccessi!

Tutti voi andate incontro a delle cadute, scivolate e fallimenti, a prescindere da quanto esperti o intelligenti siete. Il segreto è smettere di considerare il fallimento come una scusa per rinunciare o per perdere fiducia in voi stessi. Basta rialzarsi, sdrammatizzare e ricominciare, con degli accorgimenti per evitare che il fallimento si ripresenti.

Il fallimento evidenzia ostacoli, errori di pensiero e aspetti da correggere. Dovete essere grati per questo inconveniente perché vi avrà mostrato la strada giusta! Il fallimento è un insegnante senza rimorsi. Imparerete a evitare certi ostacoli, migliorando il vostro modo di ragionare, e smetterete di sbattere la testa su quel proverbiale muro di mattoni.

Il fallimento vi insegna che cosa significa vincere. Nella vita, la vittoria non è garantita come in una gara sportiva, non basta tagliare il traguardo. Vincere nella vita significa sentirsi soddisfatti, appagati e felici, ma solo voi potete sapere se avete raggiunto questo stato mentale. Il fallimento vi aiuta a capire la differenza.

Quando vi sentite frustrati, quando avete a che fare con una persona difficile, quando state per perdere la pazienza, imparate a sopportare anche se vi sembra la cosa più difficile da fare. Smaltite la rabbia parlando con un amico o con vostra moglie. Evitate di arrabbiarvi. La rabbia è un effetto collaterale della frustrazione che non dovete assecondare perché peggiora solamente le cose.

La pazienza è l’arte del sapere aspettare: attendere che momenti brutti e difficili passino con o senza il vostro contributo. A volte, la cosa migliore da fare è stare da parte e lasciare che il mondo risolva la situazione. Questo potrebbe essere vantaggioso tanto quanto riconoscere il momento giusto per cercare una soluzione in modo attivo. La pazienza vi fornisce il tempo per pensare al migliore approccio.

Le esperienze negative vi rendono più forti; vi insegnano a migliorare il vostro approccio verso un problema o una persona, rafforzano la vostra abilità di reazione e vi rendono più consapevoli, ma solo se glielo permetterete.

Se decidete di interpretare i momenti negativi come un dispetto del destino, oppure pensate che le altre persone facciano di tutto per farvi arrabbiare, è come se scaricate tutta la colpa sugli altri, esonerandovi dalla responsabilità di prendervi cura di voi stessi.

I momenti difficili vi migliorano se li affrontate con coraggio e tolleranza. Quando fate qualcosa di positivo per aiutare voi stessi a reagire, vi sembra di avere un maggiore controllo sulla vostra vita e siete meno impotenti di fronte agli eventi.

La meditazione può aiutarvi a cancellare la negatività che vi circonda e migliorerà un karma negativo. Inoltre, la meditazione vi farà sentire calmi e in pace mentre entrate in contatto spirituale con le vibrazioni dell’universo.

Comprendete che imparare a pensare in modo “positivo” non equivale a fingere di essere felici. La felicità è una condizione che vi sorprende. Il pensiero positivo è l’atto conscio di riconoscere i pensieri negativi e di sostituirli con altri che consentono di ripristinare uno stato attivo e proficuo.

Avendo un atteggiamento più indulgente verso voi stessi, accettando il fatto che, a volte, la vita può essere difficile e concentrandovi su pensieri più positivi apporterete grandi benefici al vostro benessere in generale.

  • Rispondi