5 ANNI senza Nelson Mandela

 

COMMEMORAZIONE DELLA SUA MORTE, IL 5 DICEMBRE 2013

Nelson Rolihlahla Mandela, nasce il 18 Luglio 1918, è stato un politico e attivista sudafricano, presidente del Sudafrica dal 1994 al 1999.

Da giovane studente di legge, Mandela fu coinvolto nell’opposizione al minoritario regime sudafricano, che negava i diritti politici, sociali e civili alla maggioranza nera sudafricana.

Mandela fu per tutta la vita un convinto cristiano, di confessione metodista. Sua madre, dopo la conversione al cristianesimo, fece battezzare il piccolo Madiba nella Chiesa metodista, e soprattutto lo iscrisse nelle scuole di questa chiesa: fu proprio la prima maestra a decidere che il nome Rolihlahla era troppo complicato e a ribattezzare il ragazzo con il nome, molto inglese, di Nelson.

Rifiutando un’offerta di libertà condizionata in cambio di una rinuncia alla lotta armata nel febbraio 1985, Mandela rimase in prigione fino al febbraio del 1990. Aveva 71 anni.

Mentre era ancora in prigione, nel 1988 fu premiato col Premio Sakharov per “la libertà di pensiero.” E nel 1990 col Premio Lenin per la pace. 

Nel 1993 fu premiato con il Premio Nobel per la Pace.

FT1-12057000

Divenuto libero cittadino, Mandela concorse contro De Klerk per la nuova carica di presidente del Sudafrica e vinse, diventando il primo capo di stato di colore. De Klerk fu nominato vice presidente.

Come presidente dal Maggio 1994 al Giugno 1999, Mandela presiedette la transizione dal vecchio regime basato sulla democrazia, guadagnandosi il rispetto mondiale per il suo sostegno alla riconciliazione nazionale e internazionale.

Nelson Mandela è morto il 5 Dicembre 2013 nella sua casa di Johannesburg all’età di 95 anni.

L’uomo Mandela, è stato come Gandhi, un personaggio che aveva a cuore fino alla morte, la libertà del suo paese. La su visione di libertà la portato a rimanere 5 anni in prigionia.  Ma ottene quello che desiderava.

 

Ecco alcune delle sue citazioni famose:

 

“Il perdono libera l’anima, rimuove la paura. È per questo che il perdono è un’arma potente.”

 

“Il compito più difficile nella vita è quello di cambiare se stessi.”

 

“Non mi giudicate per i miei successi ma per tutte quelle volte che sono caduto e sono riuscito a rialzarmi.” 

 

“Sappiamo cosa deve essere fatto: tutto ciò che manca è la volontà di farlo.” 

 

“Non c’è passione nel vivere in piccolo, nel progettare una vita che è inferiore alla vita che potresti vivere.” 

 

“Un vincitore è un sognatore che non si è mai arreso.” 

 

“L’istruzione è l’arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo.” 

 

“La pace è un sogno, può diventare realtà… Ma per costruirla bisogna essere capaci di sognare.” 

Rispondi