Tributo a Gandhi

Mohandas Karamchand Gandhi è stato uno dei pionieri e dei teorici del satyagraha, la resistenza all’oppressione tramite la disobbedienza civile di massa che ha portato l’India all’indipendenza.

Gandhi nacque il 2 ottobre del 1869 da una benestante famiglia composta da mercanti, commercianti, banchieri.

Gandhi è stato il primo a condannare l’usanza dei matrimoni infantili.
Fece voto di castità per affrancarsi ai piaceri della carne per elevare il suo spirito e liberare energie. Comincio a praticare il digiuno e mangiare latte.

Gandhi diventò presidente del congresso indiano. Combattè tanto per l’indipendenza dell’India.

Nel 1948 venne assassinato con tre colpi di pistola da un estremista indù.
La sua storia merita di essere letta e vista, hanno anche fatto un film interpretato da un magnifico Ben Kingsley. Vi consiglio di guardarlo.

Intanto ecco alcune delle sue citazioni:

Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.

Un uomo può uccidere un fiore, due fiori, tre… Ma non può contenere la primavera.

Tu e io non siamo che una cosa sola. Non posso farti del male senza ferirmi.

Sii il cambiamento che vorresti vedere avvenire nel mondo.

Ciò che è impossibile per l’uomo è un gioco da ragazzi per Dio

Non volendo pensare a quello che mi porterà il domani, mi sento libero come un uccello.

In materia di coscienza, la legge della maggioranza non ha valore.

Che cos’è la verità? Domanda difficile, ma ho deciso per quanto mi concerne che è quella che ti dice la tua voce interiore.

Gandhi è stato uno dei più grandi uomini esistiti. Anche lui aveva capito che per cambiare il mondo si deve prima cambiare se stessi.

Buon Cambiamento!

Un Abbraccio

Benito Di Salvo

1 thought on “Tributo a Gandhi

Rispondi