Tributo a Osho

Osho Rajneesh, semplicemente Oshio, è stato un mistico e un maestro spirituale indiano. Nato l’11 Dicembre del 1931 a Kuchwada (India) a casa dei nonni materni, in un piccolo villaggio nel Distretto di Raisen, in India Centrale.

Il 21 marzo 1953, all’età di ventun anni, visse, stando alle sue parole, l’esperienza mistica dell’illuminazione mentre era seduto sotto un albero nel Giardino Bhanvartal a Jabalpur. al 1958 iniziò ad insegnare filosofia all’Università di Jabalpur, prima come ‘lettore’ e poi, nel 1960, come professore.

Offriva consulenze individuali sulla loro ricerca spirituale e la vita quotidiana in cambio di donazioni (prassi comune in India), e la sua attività crebbe rapidamente.

Secondo Osho ogni essere umano è un buddha con la possibilità di “illuminarsi”, di entrare in comunione col divino, capace di amore incondizionato e di “rispondere” (piuttosto che reagire meccanicamente) alla vita; anche se l’ego solitamente lo impedisce poiché legato ai condizionamenti sociali, alla creazione di falsi bisogni e conflitti, e ad un’illusoria identità. Ciò costituisce una barriera alla realizzazione dell’essere, che può fiorire solo se ci si sposta da un esistere “in periferia” a un esistere al proprio “centro”.

C’è tanto da dire di Osho, ma vi invito a documentarvi della sua storia sul web. Per la sua filosofia di vita, meditazione e pensieri pacifici. Anche per questo merita che le sue migliori parole si fanno presenti.

Osho

Eccone alcune:

 

“Non gettare sugli altri la tua responsabilità; è questo che ti mantiene infelice. Assumiti la piena responsabilità. Ricorda sempre: “Io sono responsabile della mia vita. Nessun altro è responsabile”

“In amore non essere un mendicante, sii un imperatore. Dà e resta semplicemente a vedere che cosa accade…” 

“Solo il tempo ti darà le risposte che stai cercando, e te le darà quando avrai dimenticato le domande.” 

“Il mio insegnamento è semplicissimo, dritto al punto essenziale: vivi momento per momento, muori al passato, non proiettare alcun futuro, godi il silenzio, la gioia, la bellezza di questo momento.” 

“Quando una cosa è negativa, tienila per te; quando è positiva, condividila.” 

“Assumersi la responsabilità della propria infelicità è l’inizio del cambiamento.” 

“Se un uomo non è capace di amare se stesso, non potrà neppure amare qualcun altro.” 

“La meditazione è arrivare a se stessi direttamente”

 

Buon Cambiamento!

 

Un Abbraccio                                                                                                     Benito Di Salvo

 

Rispondi