Tributo a Tenzin Gyatso – Dalai Lama

Tenzin Gyatso nacque in una povera e numerosa famiglia di agricoltori, in un minuscolo e isolato villaggio ai confini della Cina.

All’età di 5 anni fu intronizzato come XIV Dalai Lama. Tenuto rigorosamente isolato dal resto del mondo nelle mille stanze del Potala, maturò un certo interesse per l’Occidente.

Il Dalai Lama è un convinto assertore della non violenza e della pace fra tutte le creature. Il 10 Dicembre 1989 ricevette il “Premio Nobel per la Pace”  per il fatto che nella sua lotta per la liberazione del Tibet ha sempre e coerentemente rifiutato l’uso della violenza, preferendo ricercare soluzioni pacifiche.

In tempi recenti ha annunciato che nell’ultimo periodo della sua vita intende ritirarsi al Monastero di Tabo. Il più importante del Buddhismo tibetano fuori del Tibet.

Come facciamo a non prendere spunto per le sue parole.

Dalailama07

Eccone alcune:

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani, perciò oggi è il giorno giusto per amare, credere, fare e, principalmente, vivere”

Se vogliamo costruire la pace nel mondo, costruiamola in primo luogo dentro ciascuno di noi.”

La mia religione è molto semplice. La mia religione è la gentilezza.”

Ero intelligente e volevo cambiare il mondo. Ora sono saggio e voglio cambiare me stesso.”

Nessuno è nato sotto una cattiva stella; ci sono semmai uomini che guardano male il cielo.”

Se si contribuisce alla felicità di altre persone, si trova il vero senso della vita.”

Apri le braccia al cambiamento, ma non lasciar andare i tuoi valori.”

Un uomo che ha fatto della pace interiore il suo cavallo di battaglia. Dalai Lama sa benissimo che il mondo esterno rispecchia quello nostro interno. Per questo motivo, incoraggia la pace dentro noi, cambiare noi stessi, essere gentili di cuore, per attirare a noi stessa circostanza.

 

Buon Cambiamento!

 

Un Abbraccio                                                                                                  Benito Di Salvo

Rispondi